Certificazione a norme UNI ISO 2081-4520 (da richiedere espressamente prima della lavorazione).

Inserire qui il contenuto per class "BordoFInestra"

Capitolato Fiat auto 9.57405 del 03/07/2000

Deidrogenazione a norme o con tempi e gradazioni richieste dal cliente.

Misurazioni spessori eseguite con Fischer dualscope MP4.

Test in nebbia salina secondo norma ASTM B-117.

35 anni di esperianza al Vs. servizio.

Depurazione acque e lavorazioni galvaniche con impianti automatici.

Massima puntualità nelle consegne.

Velocità e flessibilità, il nostro slogan è "Consegne in giornata".
  ASSOCIATO ASSOGALVANICA    
  a breve potremo pregiarci del marchio "INFINITELY RECYCLABE" (riciclo dei beni metallici sottoposti a lavorazione di zincatura) e viene eseguita rispettando il seguente ciclo:  
DECAPAGGIO CHIMICO
l'operazione di decapaggio avviene per immersione in una soluzione di acidi, capace di dissolvere gli ossidi mediante reazione chimica con formazione di sali solubili. L'accoppiamento galvanico tra ossidi e materiale di base, stimola processi corrosivi.
SGRASSATURA CHIMICA/ELETTROLITICA
L'operazione di sgrassatura avviene sfruttando l'azione dei solventi, l'azione saponificante degli ambienti alcalini, l'azione bagnante, disperdente ed emulsionante dei tensioattivi. La sgrassatura elettrolitica impiega i decapanti chimici con l'ausilio di una corrente catodica per proteggere il metallo dalla corrosione.
ATTIVAZIONE
L'operazione di attivazione viene effettuata immediatamente prima della deposizione catodica, pone la superficie del manufatto in condizioni di ricevere il deposito del bagno elettrolitico e stabilisce con questo un legame metallico.
ZINCATURA ELETTROLITICA
E' un rivestimento di zinco metallo su acciaio, ottone, rame ottenuto facendo passare una corrente elettrica in una cella contenente come elettrolita (bagno) una soluzione acida di sali di zinco. L'acciaio da proteggere funge da catodo mentre lo zinco è l'anodo. Sotto l'azione della corrente elettrica gli ioni di zinco si depositano al catodo, cioè all'acciaio. Simultaneamente all'anodo entrano in soluzione dei nuovi "ioni di zinco" in maniera che ci sia sempre lo stesso numerodi ioni in soluzione. L'anodo si consuma nel tempo e deve essere sostituito. Senza indicazioni da parte del cliente, lo spessore medio applicato varia dai 5 agli 8 micron.
 
  PASSIVAZIONE CROMICA
Tale operazione viene effettuata dopo la zincatura ed ha, oltre una funzione estetica, la funzione di inibire l'ossidazione superficiale del materiale, rendendolo energeticamente stabile.
  ASCIUGATURA
L'ultima operazione prevede l'asciugatura dei pezzi ponendoli in un forno ad atmosfera inerte, oppure in idroestrattori con immissione di aria calda.